sabato 15 marzo 2014

Una visione sul turismo italiano

In questo ultimo periodo ho viaggiato molto lungo la penisola.
Viaggi non di piacere perche' e' stato il lavoro il motivo dei miei spostamenti.
A Roma invece ho avuto l'occasione di essere ospite o relatore in due convegni che hanno riguardato il nostro settore.
Il primo, " L'economia reticolare e lo sviluppo turistico " presso la Societa' Geografica Italiana e' stato l'occasione per la presentazione delle opere del Prof. Nicolo' Costa e del Prof. Domenico Barricelli; il secondo su " Turismo e digitalizzazione " ha ospitato come relatori il Ministro dell'Universita' Stefania Giannini, la responsabile del settore istituzionale di Google, il vice ministro dello sviluppo economico Carlo Calenda, il Presidente della Cassa Depositi e Prestiti Franco Bassanini e l'ex Ministro della Giustizia ed ex Presidente della Corte Costituzionale Giovanni Maria Flick.
Sono inoltre intervenuti Renato Soru, Imprenditore e gia' governatore della Sardegna, i rappresentanti italiani presso l'osservatorio Ocse e l'Universita' Ca Foscari di Venezia.
Questi due appuntamenti sono stati intervallati da un mio incontro sul Management alberghiero tenuto a Napoli.
Precedentemente a questi appuntamenti ero in Toscana dove insieme ai colleghi ho curato l'apertura dell'Hotel Mediterraneo di Livorno passato sotto le insegne Flexus Hotels ed ancor prima mi ero recato in Campania per una due diligence presso una struttura alberghiera.
Il presente articolo e' frutto delle riflessioni che hanno contraddistinto i vari appuntamenti e la visita dei territori.
L'appuntamento presso la societa' Geografica Italiana, dove intervenivo per conto di Federalberghi Roma, ha evidenziato un aspetto che non sempre e' stato considerato nel nostro paese e nel suo sviluppo industriale.
Il turismo parte dalla morfologia del territorio e da questa si alimenta.
La geografia e' la base delle economie del luogo, tanto piu' le economie impostate ne rispettano l'essenza, tanto piu' si avra' una piena soddifazione di tutti gli stakeholders.
Quante volte nel nostro paese il turismo non ha rispettato il territorio? Quante volte fra sviluppo turistico e territorio non solo non c'e' stato rispetto, ma c'e' stata separazione netta? ( pensiamo ai villaggi turistici strutture chiuse al territorio che alimentano se stesse ).
Quante volte l'edilizia turistica e' stata irrispettosa del contesto urbano? La nostra penisola e' piena di eco-mostri.
Un paese che vive con il vento non sfrutta l'eolico, siamo il paese del sole ma non lo sfruttiamo per l'energia.
L'intervento del Prof. Fabio Pollice consigliere della Societa' Geografica ha evidenzato l'economia delle relazioni umane.
Un tema entusiasmante.
Cosa e' un distretto ? Un sistema economico sin qui si e' detto. Ma questa definizione e' incompleta. E' anche un sistema di relazioni umane dove le persone si parlano, si conoscono a livello personale, si stimano. E da questa base si parte per impostare modelli di business. Modelli di business che partono dalla vocazione del territorio geografico, urbano.
E cosi la geografia, la sociologia, l'antropologia sono scienze che si fondono nello studio delle dinamiche economiche ed aziendali.
E' la regola "delle economie aperte " illustrata dalle opere di Costa e Barricelli, il network dell'economia reticolare mette insieme persone ed idee che parlandosi, relazionandosi, traggono spunto per fare affari.
L'intervento del nostro legislatore con i contratti di rete e' andato in questa direzione. Porre in essere le condizioni affinche aggregati di imprese possano essere soggetti anche finanziabili nell'ambito di una progettualita'.
E si trae spunto dalla nuova concezione dell'economia definita reticolare per delineare le nuove figure del " manager di progetto " soggetto in grado di coordinare e convogliare le imprese in unioni di progettualita'.
Un manager con competenze variegate e diversificate capace di ascoltare ed indirizzare.
Ultimamente le politiche Keynesiane sono tornate in voga.
Nella speranza che l'intervento dello stato nei processi di start-up ne rispetti l'idea originale degli studi del Keynes e non la variante italiana di stato assistenzialista.
Ci sono tanti spunti di riflessione per il nostro settore dalle opere di Costa e Barricelli.
Il Convegno a Palazzo Chigi organizzato dalla Fondazione Astrid , pensatoio politico economico al servizio delle amministrazioni pubbliche e' stato un vivace dibattito dove, finalmente aggiungerei, il turismo non solo ha avuto il palcoscenico che merita, ma ha avuto come attori/relatori personaggi di alto profilo istituzionale.
Ho apprezzato il coraggio e la voglia di cambiamento del Ministro Giannini che in virtu' del suo passato come Rettore dell'Universita' per stranieri di Perugia , ha evidenziato la necessita' della formazione per gli attori del sistema turistico. Formazione economica certo, ma che non deve dimenticare il taglio culturale che di fatto contraddistingue la nostra offerta turistica.
Incisivo l'intervento dei rappresentanti dell'Ocse , gli unici ad evidenziare come in virtu' di un ritardo culturale / tecnologico il nostro paese perda competitivita' e redditivita' avendo oramai delegato a soggetti con base fiscale estera la distribuzione turistica.
Tutti gli interventi sono stati interessanti ma penso che l'intervento del Presidente Flick ex Presidente della Corte Costituzionale e gia Ministro della Giustizia sia stata una "Lectio Magistralis" vera e propria.
Si e' evidenziata la necessita' di individuare precisi strumenti legislativi in grado di indirizzare l'intervento.
Non sempre "il decreto legge" e' lo strumento adatto, benche' negli ultimi anni sia stato lo strumento piu' utilizzato.
Il Presidente Flick ha indirizzato anche ai rappresentanti del Governo un monito: il cambiamento va fatta ma nel rispetto della carta costituzionale.
Conoscere la nostra Costituzione e' fondamentale non solo per apprezzarne i contenuti ma per delineare le strategie di partenza.
In un mondo "governato da Google " il Presidente Flick richiamava all'art. 9 della nostra Costituzione: " La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e della ricerca scientifica e tecnica". Tutela il paesaggio ed il patrimonio storico e artistico della nazione "
Google presentava un suo progetto di mappatura delle ricchezze del nostro paese.
L'invito del Presidente Flick e' stato colto dall'imprenditore Renato Soru che con il tipico orgoglio sardo, e nell'evidenziare anche lui i contenuti dell'articolo 9 , evidenziava come la valorizzazione, archiviazione, conservazione del patrimonio di un paese non puo' essere delegata al mercato, ma e' un preciso compito dello stato.
I miei impegni sono stati in questo periodo anche piu' operativi. Livorno e' la citta' dove Flexus Hotels gestira' un nuovo hotel.
La mia visita a Livorno e' stata breve quanto intensa, e' una citta' operosa che ho visto pronta a ripartire. Una gloriosa storia operaia e con importanti insediamenti industriali del settore petrolifero.
Un porto che ha tutte le caratteristiche per essere valorizzato e dal quale dovrebbe ripartire lo sviluppo turistico dell'area.
Quanti porti ci sono in Italia che possono costituire una nuova base di partenza? Porti turistici a vocazione vacanziera, porti mercantili. Lo sviluppo parte dallo studio e dal rispetto del territorio.
Napoli e' stata la cornice del Corso di Management che ho tenuto insieme al collega Del Fattore per Serenissima informatica.
L'Hotel che ospitava l'evento era sul mare.
Per capire Napoli bisogna viverla; viverla dei suoi rumori, dei suoi odori e del calore della sua gente.
E' pero' una citta' in chiaro scuro.Paesaggi fantastici che si alternano al degrado.
Una citta' che puo' essere una destinazione mondiale ma che nei numeri arranca.
Una citta' giovane e vitale emblema del sud del nostro paese.
Il Ministro Giannini ha detto che il sud potrebbe rappresentare quello che i Brics rappresentano nell'economia mondiale.
Sono d'accordo se ci sara' ripresa, dovra' partire dal sud : legalita' , rispetto del contesto urbano, digitalizzazione e formazione dovranno pero' essere le linee guida dell'esecutivo.





































Nessun commento:

Posta un commento