lunedì 26 agosto 2013

La disoccupazione giovanile in Italia

Parlare di disoccupazione nel nostro paese e' da sempre considerato un tema caldo.
Come piu' volte detto, la cosa bella di gestire un blog e' di poter scrivere liberamente cio' che si pensa e non dover sottostare ad una linea editoriale imposta dall'alto.

Parlero' di disoccupazione giovanile partendo da alcuni dati.

Da sempre il nostro paese vanta il triste primato della disoccupazione giovanile. Si pensera' che la crisi e' il motivo di questa situazione, in realta' abbiamo da sempre questo primato anche in momenti dove la crisi non imperversava nella nostra economia.

E' evidente quindi che le ragioni della disoccupazione vanno cercate da altre parti, la crisi puo' senza dubbio aver accentuato il problema ma non e' l'unico motivo.

Se ci atteniamo ai dati, l'Italia vanta una serie di primati europei: e' insieme a Spagna e Portogallo ( guarda caso ) il paese europeo dove i giovani abbandonano piu' tardi le famiglie di origine.

Le statistiche sono impietose in Italia il 48% per cento dei maschi sotto il 35 anni vive con mamma e papa'.
In Danimarca, Svezia, Norvegia la percentuale e' del 3%.(!).
In Germania il 19 %, in Francia il 13 %.

I motivi di questo nostro triste primato sono complessi : istruzione ( mancanza di dialogo scuola impresa con universita' che sfornano migliaia di disoccupati ogni anno ), e sopratutto le politiche di sostegno messe in campo.

Come evidenziato in una analisi del sociologo Crepet, ( P.Crepet, L'Autorita' Perduta, Einaudi) i paesi piu' evoluti da un punto di vista di politiche sul lavoro, Germania, Francia, Paesi Scandinavi e sopratutto Olanda, privilegiano "il lavoro ad ogni costo " piuttosto che l'assistenzialismo come avviene da noi.

Un esempio concreto: in Olanda un giovane che si iscrive all'ufficio collocamento deve accettare qualsiasi lavoro gli venga proposto se rifiuta perde le indennita' previste.

In Germania e' la stessa cosa e cosi nei paesi piu' evoluti.
Lo Stato assolve il suo compito "facendoti lavorare" e togliendoti rapidamente dalle fila dei disoccupati.
Se poi sei in gamba ( affermazione individuale) stara' a te far carriera e trovarti nuove opportunita'.

Qui racconto un episodio capitato durante un corso di formazione ad alcuni albergatori dell'area toscana.

Analizzando con loro i flussi dell'area, la loro ricettivita' e la struttura delle loro aziende ho evidenziato che tutte le aziende presenti avrebbero avuto la possibilita' di allargare la loro stagione di apertura di almeno 4/5 mesi l'anno ( dai 3/4 attuali ).

I colleghi evidenziarono subito il problema della reperibilita' della forza lavoro.
Rimasi basito quando candidamente mi informarono che il personale stagionale e' da anni abituato a "fare la stagione" (3/4 mesi ) e poi richiedere i benefici della disoccupazione che durano grosso modo il tempo di iniziare la stagione successiva.

E "questo gioco" va avanti da sempre.

Io stesso da imprenditore ho visto rifiutare offerte di lavoro perche' il candidato preferiva sfruttare "al massimo" il periodo della disoccupazione anziche' inserirsi subito nel mondo del lavoro.

Nell'area toscana ( ma e' un fenomeno esteso in tutta italia ) la disoccupazione significava andare ad alimentare "il lavoro nero " che viene svolto in concomitanza del periodo dei benefici.

E' un fenomeno che , conti alla mano, ha dimensioni spaventose.

Lo stato ha le sue colpe ma ad un certo punto entra in gioco l'etica individuale.

Queste politiche "assistenzialiste" sottraggono risorse che dovrebbero essere destinate ad assistenza dove ce ne e' effettivamente bisogno.

Il nostro sistema e' centrato "sulla tutela dei diritti" e poco "sulle responsabilita".
Una tutela dei diritti che e' sacrosanta, ma che deve avere dei limiti quando il soggetto assistito la utilizza "ad oltranza".

L'Italia ha un altro primato in Europa dai tratti allarmanti: il 30 % dei giovani fra i 20 ed i 30 anni non studia, non lavora, non partecipa a nessun programma formativo.

E' una potenziale forza lavoro sprecata.

Chi fa il mio lavoro, pur magari non avendo chiare le statistiche, e' testimone del fatto che se si e' alla ricerca di personale come facchini, cameriere, receptionist notturni e pomeridiani, la percentuale di curricula inviati da Italiani si avvicina allo zero.

Ci stiamo condannando da soli al fallimento come nazione.

Per molte persone e' piu' gratificante essere un trentenne alle spalle della famiglia che svolgere un lavoro.

E qui anche la famiglia ha le sue colpe.

Gli italiani sono da sempre mammoni ma ora siamo grotteschi.
Mi e' capitato di avere dei candidati che si presentavano a colloqui con famiglie al seguito.
Colloqui che io personalmente neanche facevo iniziare.

Da adolescente passavo le estati a lavorare all'estero in albergo.
Ero sempre l'unico italiano
( e questo aveva anche i suoi vantaggi vista la curiosita' che le fanciulle nordiche avevano verso il nostro paese)

Ricordo che all'epoca un sedicenne che "andava a formarsi in Inghilterra " era un marziano. Di piu': proveniente da una famiglia scellerata.

Oggi un sedicenne e' ancora agli occhi della famiglia una specie di neonato.
La famiglia "protegge" il mondo esterno "e' pericolo". I risultati di questo modo di pensare sono sotto gli occhi di tutti.

Ultimamente ho partecipato ad alcuni corsi di formazione di livello anche elevato.
Ho trovato per gli studenti degli "internship" presso compagnie internazionali.

Ho in realta' perso solo tempo.

Le risposte per rifiutare dei programmi formativi da parte di compagnie quali Marriott, Hilton, Starwood etc sono state sempre le stesse: e' agosto vorrei riposarmi, ci penso a settembre, pensavo di svolgerlo piu' vicino casa etc.

Anche qui le statistiche sono impietose: gli Italiani sono agli ultimi posti per i programmi formativi in giro per il mondo, organizzati da compagnie internazionali, mentre per i nostri colleghi europei costituiscono il primo passo per una carriera internazionale.

Gli internship sono " a costo zero" la compagnia ti prende in carico dandoti vitto ed alloggio e di contro ci si deve impegnare a lavorare come facchino a Parigi piuttosto che come receptionist a New York etc.

Al termine dell'internship la percentuale delle assunzioni e' altissima. I programmi durano dai 3 ai 6 mesi. Danno una formazione senza eguali, ma agli italiani non interessa.

O meglio, il giovane Italiano oggi vorrebbe anche diventare General Manager ma a condizione che l'Hotel sia cosi vicino a casa sua da non fargli prendere il raffreddore nel caso piova e che la strada "per il successo" non lo distragga da altre sue necessita': uscite con amici, stadio e squadra del cuore e sopratutto il rispetto della sacralita' del week end.

Non so cosa sia cambiato improvvisamente nella nostra cultura, ci ho riflettuto spesso e non sono mai giunto ad una risposta.

Alcune generazioni fa eravamo "lavoratori di fatica" attraversavamo continenti solo con la forza delle nostre braccia.
Abbiamo costruito non solo opere d'arte ma continenti interi, edificato strade e ponti nel mondo.
Scavato miniere in europa.

Avevamo molta fame.

Poi improvvisamente qualcosa e' cambiato.

E non e' cambiato "perche' c'e' benessere" altrimenti non si spiegherebbe il fatto che Germania, Francia, Nord Europa " hanno ancora fame " benche' siano paesi piu' ricchi di noi.

Forse, ma da prendere con il beneficio d'inventario, abbiamo avuto i politici peggiori d'europa, che mentre da un lato ci illudevano con il "posto statale" "il lavoro garantito" " i diritti a prescindere" dall'altro sottraevano al paese l'unica risorsa che gli poteva garantiste il futuro:

la volonta' dei giovani di migliorare le cose.

Di questo siamo colpevoli tutti.


From the desk of
Dott. Roberto Necci
Tel 06.44.67.215
Fax 06.49.57.916
skype id: roberto.necci
http://roberto-necci.blogspot.it
http://www.linkedin.com/in/robertonecci

3 commenti:

  1. esame giusto e condivisibile. darsi " da fare" a cercare ed imparare è bene, " darsi da fare" o meglio "aspettare" per trovare il posto non è crescita sociale, culturale ne economica. Personalmente " mi sono dato da fare" durante le scuole superiori in giro per tutta Europa e forse quello che la mia professione attuale è anche frutto di questo. Luigi Sciarra

    RispondiElimina
  2. Che dire ... ti condivido in tutto.

    RispondiElimina
  3. Vivere alle "spalle" dell'assistenza statale dovrebbe essere un espediente provvisorio che dovrebbe essere vissuto quasi come un momento umiliante visto che non si e' produttivi, attivi. E' vero i giovani non si preoccupano granche' di investire sacrifici nel proprio futuro privilegiando "contentini" momentanei: io stessa ho visto giovani senza prospettive rifiutare di fare le consegne per un panificio in quanto la domenica dovevano essere al lavoro alle 5.00 e il sabato notte dovevano andare in discoteca! Ma non vorrei generalizzare per molte persone di poca iniziativa ce ne sono altrettante che hanno veramente serie intenzioni di costruirsi una carriera, un futuro

    RispondiElimina