sabato 18 maggio 2013

Lean start Up

Chiunque si sia occupato di creazione di business plan sopratutto per iniziative di start-up si sara' reso conto della difficolta' di predisporre modelli analitici su progettualita' che ancora non hanno subito "la prova del mercato". Si tende cioe' a ragionare "su un eventuale apprezzamento " del prodotto e sul quale si predispongono una marea di dati, slides, proiezioni, per lo piu' destinati " a fare volume " e senza nessuna speranza concreta di essere letti. Ne tantomeno capiti.
Questa metodologia e' ormai superata.
Sia le grosse aziende da General Electric a Microsoft tanto per capirci, che le piccolissime start up, stanno avendo tutto un altro tipo di approccio. Un approccio che sempre di piu' e' orientato all'ascolto del mercato e sopratutto del consumatore tipo.
Non si parte piu' quindi "dal business plan" quanto piuttosto da "un modello di business aperto " ridotto ai minimi" termini che crescera' sempre di piu' in funzione del coinvolgimento dei clienti nei suggerimenti sul prodotto e servizio.
Significa cioe' predisporre un modello di business elementare e sofisticate tecniche di analisi dei gusti e delle aspettative per poi plasmare il prodotto in funzione di queste.
Ci si accorge che il business iniziale puo' essere stravolto, ma si avra' sempre la certezza di offrire qualcosa di veramente efficace.
Pensiamo quanto tempo si usano i social networks "per spingere " un prodottto e quanto poco "per ascoltare" .
Le Business schools americane stanno gia impostando corsi di studio sulla Lean Start Up che a mio modo di vedere sara' una delle strategie che influenzeranno di piu' la gestione aziendale.
Se esplorassimo le applicazioni nell'industria alberghiera, ne rimarremmo sconvolti dalle possibilita' di applicazione.
Immaginiamo ad esempio un hotel nel lancio di un "concept" dall'arredamento di una camera all'introduzione di un servizio, cominciasse ad ascoltare il mercato direttamente.
Proponendo poi esattamente cio' che il mercato ha espresso.
Per chi volesse approfondire , il corso di Nea Xenia Lab del 12 giugno , trattera' anche queste concettualita'.

Nessun commento:

Posta un commento