domenica 9 dicembre 2012

Dalle notizie di economia

Oggi , 9 dicembre sulle pagine di economia de il Corriere della Sera c'e' un intervista all'amministratore delegato di Unicredit , Federico Ghizzoni.
Di fatto ad un certo punto dell'intervista fa una considerazione abbastanza sconvolgente, ha infatti dichiarato: " le banche sono piene di crediti deteriorati oltre che per la crisi per il fatto che , noi, non conoscendo bene il cliente davamo i soldi nella forma tecnica errata magari a lui serviva un prestito a medio lungo e noi lo davamo a breve "
Mi fa piacere che, un personaggio cosi autorevole della business comunity , convenga su quello che da anni e' stato il mio pensiero, un pensiero diffuso nell'ambito dell'analisi anziendale del Corso di Management Alberghiero, nei miei servizi consulenziali, fino al mio ultimo intervento al WHR 2012.
Gravare una azienda di debito di breve con costo dello stesso fino al 15 per cento su base annua, e' una zavorra allo sviluppo; una zavorra che poi imprenditori o manager incompetenti, aggrediscono diminuendo i costi che sono funzionali all'erogazione del servizio ( brand reputation costs ), compromettendo cosi la capacita' di ricavi dell'azienda. Riduzione brand reputation costs = diminuzione di brand reputation = diminuzione tariffa media vendita = diminuzione ricavi.
Si affronte il problema dalla parte sbagliata insomma.
Rinegoziare la forma tecnica del debito porta evidenti risparmi , parte dei quali e' possibile destinarli all'investimento funzionale all'aumento della brand reputation e quindi della tariffa media di vendita; se poi sappiamo "leggere" i moderni software di analisi di brand, sapremo con "precisione chirurgica" dove destinare i nostri investimenti, finalizzandoli all'aumento della nostra reputazione e di conseguenza dei ricavi.
L'ho piu' volte detto nei miei interventi, la gestione sana non parte dal "portiamo clienti ", "aumentiamo il fatturato" "aumentiamo il revpar " e baggianate varie, quanto piuttosto dalla capacita' analitica "di leggere i numeri della nostra azienda albergo" aggredendo con creativita' , fantasia, conoscenza delle dinamiche di merchant banking , il debito aziendale funzionale a non sprecare risorse.
Una vecchia massima dice "un soldo risparmiato e' un soldo guadagnato ".
Il mio maestro di kick boxing quando mi accompagna all'angolo sul ring mi dice sempre con un inconfondibile accento " robe' coprite che questo mena ".
Se trasliamo la massima nella gestione alberghiera ci accorgiamo che la frase puo' essere senz'altro sostituita con " pensiamo prima a diminuire le uscite non funzionali " poi abbiamo risorse per lo sviluppo.
Probabilmente chi non condivide questi concetti, o non ha mai quantificato il salasso degli interessi passivi del debito di breve sulle performance aziendali o........non e' mai salito su un ring.
L'affermazione di Federico Ghizzoni e' a mio avviso sinonimo di competenza.
Quello pero' che non e' chiaro come si pensa di risolvere il problema.
Io , francamente una soluzione l'avrei, e questo blog puo' contribuire alla sua diffusione.
il debito delle aziende ( come dei paesi ) esiste, e va rimborsato.
Quello che va cambiata pero' e' la forma tecnica del rimborso, bisogna in termini tecnici consolidarlo .
Che significa concretamente? Significa che uno stock di debito a breve con costi medi sino al 15% va portato a medio lungo con rimborsi graduali, e nel caso degli alberghi anche in funzione della stagionalita' degli incassi.
In questo modo si soddisfano due esigenze , quella delle aziende di respirare senza l'onerosita del debito , e quella delle banche che uin funzione ai criteri di Basilea ( 2 o 3 scegliete voi, vista la confusione in atto ), aumenterebbero la qualita' del credito. Un credito che con questa nuova formula assorbirebbe molto meno capitale.
E' evidente che in questo modo tutta l'economia tornerebbe "sana".
Perfetto. Perche' non si fa?
Semplice, perche' questo "accordo di sistema " porterebbe la rivalsa dell'economoia reale sulla finanza, visto che quest'ultima ha interessi di risultati nel breve periodo, su base trimestrale.
E l'erogazione di crediti a breve ad alti tassi era il modo migliore per guadagnare "tutto e subito"; anche a discapito della qualita' del credito erogato e del danno di sistema.
Rimango a disposizione per tutti coloro volessero approfondire l'argomento.
From the Desk of :
Dott. Roberto Necci
http://roberto-necci.blogspot.it
http://www.linkedin.com/in/robertonecci
Skype Id: roberto.necci

Nessun commento:

Posta un commento